€ 26,00

I MIRABILIA URBIS ROMAE

a cura di

Anno Edizione: 2004
Formato 14,5×23 – Pag. 224
Confezione a filo refe in brossura
ISBN 888861706X
Prezzo: € 26,00

COD: 888861706X. Categoria: .

Descrizione prodotto

I Mirabilia urbis Romae sono un trattatello originariamente scritto in latino, la cui redazione più antica databile agli anni 1140-1143, ci è tramandata in un’opera della curia romana di carattere amministrativo-liturgico, il cosiddetto Liber Polypticus, composto da Benedetto canonico di san Pietro. I Mirabilia possono definirsi «la guida medievale di Roma» perché rispetto ai precedenti itinerari o ai vari e semplici cataloghi di monumenti e di chiese, presentano Roma con un carattere del tutto nuovo, che mostra una consapevolezza del fascino dell’antichità e un vivo interesse per il leggendario e il simbolico della tradizione classica e cristiana. Tradotto in varie lingue, il testo ha avuto una grande fortuna a partire dal Medioevo, ed è all’origine di tutte le guide della città che si sono susseguite nel tempo e dell’idea di incanto e di fascino che in ogni epoca ha suscitato Roma. Il volume presenta il testo latino con la prima traduzione italiana moderna, accompagnata da note di commento e da un’ampia introduzione storica.

Dettaglio Prodotto

    Non ci sono altre informazioni

Autore

Author

EMY DELL’ORO, del Dipartimento di Filologia Greca e Latina dell’Università di Roma «La Sapienza», ha rivolto il suo interesse allo studio di autori e aspetti dell’Umanesimo. In particolare si è dedicata alla figura di Martino Filetico, maestro alle corti di Pesaro e Urbino e presso lo Studium Urbis, alla sua produzione poetica (Il ‘De poetis antiquis’ di Martino Filetico, 1983) e ad alcuni suoi scritti minori in prosa di rilevante interesse per l’ambiente umanistico romano del secondo Quattrocento (Uno scritto di Martino Filetico sugli inventori dell’alfabeto, 1998).

Author

MARIA ACCAME, Dipartimento di Lettere e Culture moderne dell’Uni­versità di Roma la “Sapienza” - Ha svolto le sue ricerche prevalentemente nell’ambito dell’Uma­nesimo approfondendo i problemi connessi alla traduzione dal greco (Leonardo Bruni traduttore di Demostene: la «Pro Ctesiphonte», Genova 1986; Poliziano traduttore di Atanasio. L’Epistola ad Marcellinum, Tivoli 2012) e al commento ai classici (em>Le postille del Petrarca a Quintiliano. Cod. Parigino lat. 7720, «Quaderni petrarcheschi» V, Firenze 1988). Ha condotto una serie di studi sull’umanista romano Pomponio Leto (Pomponio Leto. Vita e insegnamento, Tivoli 2008) e sui Mirabilia urbis Romae (Contributi sui Mirabilia urbis Romae, Genova 1996, e in collaborazione con Emy Dell’Oro I Mirabilia urbis Romae, Tivoli 2004). Ha curato i volumi degli Atti dei Convegni Volgarizzare e Tradurre 1 e 2, Tivoli 2011, Tivoli 2013, cui hanno fatto seguito vari contributi di Filologia umanistica. È socio della SFLI (Società dei Filologi della Letteratura italiana) e della CUSL (Consulta Universitaria degli Studi Latini).